Come recuperare un sito e-commerce da una penalità di Google Panda

So per esperienza personale cosa può fare una penalità Panda a un negozio di e-commerce.

In poche parole, le statistiche sul traffico iniziano a dirigersi a sud e non tornano rapidamente!

Questo è l'aspetto di una penalità di panda in Google Analytics

Motivi comuni per le sanzioni panda e-commerce

Anche se sono sicuro che hai fatto del tuo meglio per creare un ottimo sito web e ottimizzarlo bene per Google, può essere molto allettante tagliare gli angoli, e questo è esattamente ciò di cui si nutre l'algoritmo Panda, il pigro proprietario del sito web.

I motivi comuni per cui i siti di e-commerce sviluppano una penalità Panda sono:

  • duplicare PRODOTTI nomi, URL, metadati, con piccole variazioni (come il colore)
  • Duplicare le descrizioni dei prodotti con piccole variazioni (come il colore)
  • Descrizioni dei prodotti copiate dal sito Web dei produttori
  • Pagine di categorie senza contenuto univoco
  • Pagine delle categorie piene di contenuti duplicati (frammenti tratti dalle descrizioni dei prodotti
  • Più pagine sullo stesso argomento / cannibalizzazione delle parole chiave
  • Pagine sottili indicizzate come Contattare, Carrello, Termini e pagine di pagamento
  • Cerca o filtra le pagine indicizzate
  • Metriche di utilizzo scadenti / frequenze di rimbalzo elevate

È stato compilato un utile elenco di molti potenziali fattori che influenzano il punteggio di qualità del tuo sito web SEO esperto Josh Bachynski qui: http://themoralconcept.net/pandalist.php

Ora esamineremo come riparare il tuo sito di e-commerce dal punto di vista di Panda, esaminando ogni tipo di pagina, i problemi comuni e le soluzioni.

Ricerca e risoluzione delle pagine dei prodotti problematiche

Quindi i contenuti duplicati sono un grosso problema con l'algoritmo di Google Panda, e quindi se stai utilizzando lo stesso testo su più pagine, questo creerà problemi.

Inoltre, se copi del testo da altri siti Web (come il sito Web di un produttore) senza aggiungere nulla di tuo, anche questo causerà una penalità.

La soluzione?

Assicurati di scrivere un testo univoco per coprire le seguenti aree della pagina del prodotto:

  • Nome prodotto
  • URL del prodotto
  • Meta titolo e meta descrizione del prodotto
  • Descrizione del prodotto

Ottimizzazione delle pagine dei prodottiOra questo può essere difficile se hai molti prodotti con solo piccole variazioni come il colore. In questi casi ti consiglierei di:

  • Crea una pagina di destinazione per il prodotto generale (tutti i colori combinati)
  • Imposta le pagine dei prodotti sottili su "noindex"
  • Link ai singoli colori da questa pagina di destinazione principale

Ciò ti consentirà di classificare la pagina di destinazione del prodotto parola chiave variazioni, controllando al contempo i contenuti duplicati indicizzati da Google.

esempio di calcolo dei costi nella Domanda:

Un sito web per lo shopping di scarpe ha più tipi di scarpe rosse nello stesso stile, con piccole variazioni nel design.

Ogni pagina del prodotto non può scegliere come target parole chiave come "scarpe rosse" o "tipo di scarpa rossa", poiché sarebbero in competizione tra loro e richiederebbero molti contenuti unici.

La soluzione sarebbe creare una pagina di destinazione per "scarpe rosse", che mirerebbe a molti tipi di parole chiave correlate alle "scarpe rosse" e collegherebbe le pagine dei prodotti da questa pagina.

Ricerca e risoluzione delle pagine delle categorie di problemi

Per capirlo, prima immagina che Google stia guardando la percentuale di testo unico su una pagina per determinare se si tratta di una pagina di buona qualità o meno.

Quindi immagina la tua pagina di categoria, ignora cose come il menu, la barra laterale e il piè di pagina e pensa al bit nel mezzo che cambia in ogni pagina.

Ora pensa a quanto di questo è "unico", cioè non ripetuto da nessun'altra parte sul sito web. Se la tua percentuale inizia a scendere intorno al 50% o meno, allora hai un problema.

I CMS tendono a inserire piccoli frammenti di testo dalle pagine dei prodotti per visualizzarli nell'elenco delle categorie. Puoi ricontrollare questo controllando il codice sorgente della tua pagina per parti della descrizione del prodotto.

Anche se di per sé non è terribile, se non hai altri contenuti unici sulla pagina, Google la vede come una pagina debole ed è più probabile che penalizzi il tuo sito web.

Correggere la pagina della categoria è semplice

Tutto quello che devi fare è aggiungere frammenti di testo rilevanti e unici alla pagina, ovunque il tuo CMS ti consenta di posizionarli.

Un modo comune per aggiungere valore SEO alla tua pagina senza influire sulle conversioni è utilizzare un link di testo "mostra di più" che nasconde parte del contenuto della pagina agli utenti.

Come usare mostra più testo nelle pagine delle categorie

Come puoi vedere, ti dà la possibilità di nascondere il testo extra, che è davvero lì solo per essere visto da Google.

Il passaggio successivo consiste nel modificare il tuo CMS per rimuovere gli snippet della descrizione del prodotto dai tuoi modelli di categoria, tuttavia sarebbe impossibile coprire ogni potenziale CMS in questa guida, quindi una ricerca su Google ti aiuterà a trovare quello che stai cercando.

Correzione di pagine sottili (carrello, checkout, termini, ecc.)

La regola di base qui è che non vogliamo che Google indicizzi una pagina che non ci fornisce alcuni vantaggi SEO.

Pertanto, le pagine con pochissimo contenuto che sono semplicemente lì per soddisfare l'utente, o le pagine che contengono una copia legale generica che non è tematicamente rilevante per il nostro sito web, non devono essere indicizzate su Google.

Alcuni esempi delle pagine che dovresti impostare su noindex sono:

  • Pagine del carrello
  • Pagine di pagamento
  • Termini e condizioni
  • Informativa sulla privacy
  • Pagine dell'account
  • Pagine con password dimenticate

Ciò contribuirà a garantire che solo le pagine di valore dal punto di vista SEO vengano viste da Google, contribuendo a evitare una penalità di Panda.

Correzione delle pagine del filtro indicizzate

Questo è un problema molto comune con vari tipi di CMS. Finiscono per creare nuovi URL quando qualcuno utilizza un filtro nella pagina della categoria (come il filtro per prezzo o dimensione).

L'URL di un filtro è spesso simile a questo:

domain.co.uk/shoes/ladies-shoes/#sale-yes,size_0055184,parentcolour_0043208,price_35-38

I problemi causati dai filtri del prodotto

Quando lo guardiamo da una prospettiva di "contenuto scarno", si creano molti URL che Google può indicizzare con pochissimi contenuti unici sulla pagina.

Il modo migliore per risolvere questo problema è utilizzare gli URL canonici nelle pagine delle categorie, che dicono a Google che questo URL del filtro è semplicemente una variazione della pagina principale e non dovrebbe essere indicizzato da solo.

Usando l'esempio sopra, il nostro link canonico nell'intestazione sarebbe:

Rimozione delle pagine di ricerca da Google

Un CMS creerà spesso una nuova pagina quando qualcuno cerca una parola chiave nel tuo negozio. Questo non è un problema in sé, ma se Google può indicizzare queste pagine, lasci il tuo sito web vulnerabile sia a una penalità di Panda che a un attacco SEO negativo.

Per risolvere facilmente questo problema, è necessario impostare le pagine di ricerca su noindex.

Di solito una pagina di ricerca avrà un parametro nell'URL come:

dominio.co.uk/search#red-wide-shoe

Quindi, per impedire a Google di eseguire la scansione di queste pagine, tutto ciò che dobbiamo fare è modificare il file robots.txt degli archivi e aggiungere la riga:

Non consentire: / ricerca # *

Ciò impedirà a Google di eseguire la scansione degli URL che iniziano con il numero di ricerca, risolvendo il tuo potenziale problema.

Pagine con scarsa esperienza utente

Questo può essere un grosso problema con i siti di e-commerce, dove i prodotti sono costantemente esauriti, con le vendite che vanno e vengono e con grandi scorte di prodotti che spaventano i potenziali utenti prima che trovino quello che stanno cercando.

Le metriche chiave che dovrebbero essere controllate per evitare una penalità Panda sono:

  • Frequenza di rimbalzo
  • Tempo sul sito

Per scoprire dove il tuo sito web si comporta male con queste metriche, vai al tuo account di Google Analytics (analytics.google.com) e vai alla seguente scheda:

  • Comportamento -> Contenuto del sito -> Pagine di destinazione

Quindi crea un filtro avanzato (mostrato con una freccia nell'immagine sotto) e includi due variabili:

  • Frequenza di rimbalzo> 35
  • Sessioni> 20

Come trovare pagine scadenti in Analytics

Questo ti mostrerà le tue pagine di destinazione significative che hanno la frequenza di rimbalzo più alta. Da qui puoi andare in ogni pagina e cercare di capire perché avrebbero una scarsa esperienza utente.

Alcuni modi per migliorare la frequenza di rimbalzo sulle tue pagine sono:

  • Categorie: include scelte pertinenti (collegamenti di sottocategorie) above the fold su cui è facile fare clic / toccare mobile.
  • Categorie: assicurati che il titolo sia pertinente alle parole chiave targetizzate.
  • Categorie: pensa a ogni possibile intenzione dell'utente per le tue parole chiave e cerca di servire quelle intenzioni above the fold.
  • Prodotti: assicurati che i prodotti esauriti vengano reindirizzati alle pagine delle categorie corrette.
  • Prodotti: assicurati che la prima immagine visualizzata sia della variante di prodotto più popolare.
  • Prodotti: cerca di raccogliere recensioni positive per tutti i prodotti.
  • Prodotti: rendere facilmente disponibili ulteriori informazioni (come le FAQ).
  • Assicurati che tutte le tue pagine siano facili da usare su desktop, tablet e telefoni cellulari.
  • Assicurati che la tua pagina venga caricata il più velocemente possibile.

Panda Recovery Times - Quanto tempo ci vuole?

Con che frequenza si aggiorna l'algoritmo panda? Nessuno lo sa davvero perché non viene divulgato pubblicamente.

Si ipotizza che possano essere necessari fino a 6 mesi per l'aggiornamento dell'algoritmo Panda, tuttavia senza una risposta ufficiale da parte di Google non è un'ipotesi solida.

In ogni caso, la risoluzione di questi problemi aiuterà ad aumentare le conversioni e il coinvolgimento degli utenti prima che la penalità Panda venga rilasciata.

Hai bisogno di aiuto con la tua penalità Panda?

Se desideri un approfondito revisione del tuo sito di e-commerce per identificare e creare strategie per correggere la tua penalità Panda, quindi inviami un'email a [email protected]

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per votarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Diteci come possiamo migliorare questo post?

Matt Jackson

Specialista SEO e-commerce, con oltre 8 anni di esperienza a tempo pieno nell'analisi e nella correzione di siti Web di shopping online. Esperienza pratica con Shopify, Wordpress, Opencart, Magento e altri CMS.
Ho bisogno di aiuto? Scrivimi per maggiori informazioni, a [email protected]

Questo post ha commenti 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *