Come strutturare le pagine delle tue categorie di e-commerce per il SEO

Le pagine delle categorie di e-commerce sono i tuoi creatori di soldi!

Portano la maggior parte del traffico e hanno il maggior potenziale per aumentare in modo significativo i tuoi profitti.

Tuttavia, non sono sempre facili da ottenere.

Potresti aver notato che a volte visiti un negozio e ha semplicemente un prodotto elenco lì senza contenuto reale ...

Mentre altre pagine saranno piene di immagini e link a diverse categorie.

C'è una ragione per questo, e ha a che fare con l'intento dell'utente di un file parola chiave, ed è essenziale approfondire questo aspetto quando si creano le pagine di e-commerce.

Ma non temere, questa guida ti aiuterà a farlo bene, ogni volta.

Classificazione delle parole chiave per l'e-commerce

Come classificare le parole chiave in base all'intenzione dell'utente?

Quindi la semplice domanda che devi fare è questa:

Che cosa stanno cercando di ottenere i miei utenti cercando questa parola chiave?

Quindi puoi dedurre come dovrebbe essere strutturata la tua pagina per servire al meglio le varie intenzioni dell'utente.

Ma cosa puoi usare per risolvere questo problema?

I miei modi preferiti per compilare queste informazioni sono:

1. Il # 1- # 3 nei risultati di ricerca di Google

RankBrain determina automaticamente le pagine che gli utenti apprezzano di più e le classifica più in alto nei risultati.

Ciò significa che i primi 3 risultati dovrebbero già essere strutturati in un modo relativamente buono per consentire all'utente di trovare ciò che sta cercando, quindi dovresti annotare ciascuna delle intenzioni dell'utente fornite, in particolare above the fold.

2. Suggerimenti automatici di Google

Queste sono le ricerche comuni che le persone fanno intorno all'argomento, a cui molte persone che effettuano la ricerca iniziale vorranno la risposta.

Puoi trovarli inserendo nella casella di ricerca la tua parola chiave, seguita da uno spazio e un'altra lettera, ad esempio "acquista televisori a", che mostrerebbe i risultati del suggerimento automatico che si adattano meglio a quella combinazione di parole chiave / lettere, come " compra tv australia ".

Passa attraverso ogni lettera dell'alfabeto per creare un elenco completo o utilizza un automatizzato strumento ad esempio Uber Suggest.

Suggerimenti automatici di Google

3. Ricerche correlate a Google

Spesso è qui che troverai persone che perfezionano le loro ricerche perché i risultati iniziali non soddisfacevano le loro esigenze

Può essere trovato alla fine dei risultati della ricerca, dove sarà presente un elenco di 8 collegamenti.

4. NUOVA sezione Google "Affina per"

Potresti averlo visto apparire nell'autunno del 2017, con una fila di immagini che suggeriscono agli utenti di affinare la ricerca in base a una determinata categoria.

Questa è un'indicazione del modo più popolare in cui i ricercatori di questo termine tendono a voler navigare, quindi dovrebbe essere l'intento chiave dell'utente servito nella pagina della tua categoria (se appare nelle tue SERP).

5. NUOVA ricerca suggerita da immagini di Google

Una nuova funzione all'interno delle immagini di Google suggerirà frasi correlate in caselle colorate quando si cercano parole chiave all'interno della ricerca di immagini di Google.

Questi possono aiutarti a capire quali elementi visivi si aspettano le persone e anche ulteriori intenzioni degli utenti che potresti non aver colto altrove.

Ricerche suggerite all'interno della ricerca di immagini di Google

 

Il passaggio successivo: le intenzioni dell'utente del cluster

Ora dovresti avere un elenco completo di parole chiave fortemente correlate all'argomento della tua categoria, insieme alle intenzioni servite dai primi 3 nelle SERP.

Ora devi raggruppare le tue parole chiave in base all'intento dell'utente e aggiungerle ai tuoi intenti elencati dai primi 3.

Questo creerà una piccola selezione di intenti che puoi mirare a servire nella tua pagina della categoria eCommerce.

3 tipi di layout di pagina delle categorie di e-commerce

Una volta che hai le tue intenzioni utente, dovresti arrivare a una delle tre conclusioni per il layout della tua pagina:

  1. Un elenco di prodotti con filtri specifici.
  2. Una pagina di navigazione con più collegamenti di sottocategorie / informazioni.
  3. Una miscela delle due.

I seguenti esempi mireranno a fornire una certa chiarezza su cui scegliere.

Esempio n. 1 - "TV da 32 pollici" - Elenco prodotti e filtri

In questo esempio cerchiamo la frase "televisori da 32 pollici".

I nostri primi 3 risultati provengono da Tesco, Argos e Currys. Ognuno di questi ha un elenco di televisori con una barra dei filtri sul lato destro.

Ciò suggerisce che i ricercatori di questa parola chiave preferiscono il layout di pagina di quella categoria, quindi la nostra pagina dovrebbe avere un formato simile di prodotti e filtri.

Le ricerche suggerite dimostrare che il prezzo è importante per l'utente (vendita ed economico).

Il "raffina per marca" la sezione suggerisce che la marca della TV è un filtro importante per l'utente.

Potremmo concludere che i filtri più evidenti sulla nostra pagina di elenco dovrebbero essere il marchio e il prezzo dei televisori e, stranamente, questi sono i primi due filtri per ciascuno dei primi 3 risultati.

Elenco prodotti serps

Esempio # 2 - "acquista televisori online" - Pagina di navigazione

In questo esempio, cerchiamo la parola chiave "acquista televisori online".

Possiamo vedere dal primi 3 risultati che le pagine si concentrano sulla navigazione dell'utente in una categoria più specifica per le sue esigenze (il che ha senso in quanto è una ricerca piuttosto generica). Si concentrano su aree come prezzo, dimensioni, caratteristiche e marchi.

Quindi dovremmo mirare a che la nostra pagina delle categorie abbia questo layout di navigazione e concentrarci sulla navigazione rapida e semplice in ciascuna di queste aree.

Dal Ricerche correlate, possiamo vedere che il prezzo e le dimensioni sono un fattore importante. Forse avere un prezzo migliore o un link alle offerte potrebbe servire meglio a questi utenti, avere quello above the fold potrebbe ridurre la frequenza di rimbalzo.

Dal "Perfeziona per brand" nella sezione possiamo vedere che molti utenti vogliono filtrare questo risultato in base alla marca della televisione.

Uno di frasi suggerite automaticamente era "e paga dopo", suggerendo che le opzioni finanziarie potrebbero essere valutate dal ricercatore. Forse un banner che menziona le opzioni finanziarie rassicurerebbe il visitatore above the fold.

 

Scenari misti

Le pagine di categorie miste vengono spesso in giro quando ti addentri in una nicchia e di solito è quando una parola chiave ha intenzioni sia commerciali che informative mescolate insieme.

In questi casi puoi riassumere il contenuto informativo (usando intestazioni concise e dati strutturati per ottenere, si spera, un file rich snippet risultato) e hanno prodotti consigliati per il contenuto correlato di seguito.

Esperienza utente su dispositivi mobili

Questo è uno dei problemi fondamentali nei siti di e-commerce, il modo in cui gli utenti interagiscono mobile telefoni.

Avrai meno tempo per soddisfare l'utente prima che rimbalzi o si distragga, quindi tutto deve essere tap friendly e above the fold.

Rimuovi tutto il contenuto che non trasmette valore, riduci il più possibile l'intestazione del sito Web (pur mantenendo le icone chiave come carrello, ricerca e chiamata) e aggiungi le tue opzioni di navigazione o di filtro più importanti come prime cose dopo il titolo di la pagina.

Si desidera consentire all'utente di filtrare più volte in modo che i risultati rimangano piccoli, iper focalizzati sul loro intento.

Cambiamenti nel tempo

Un'ultima cosa da considerare è che gli intenti dell'utente possono cambiare in modo significativo nel tempo, e questo può essere uno dei motivi per cui un elenco numero 1 può scendere al numero 4-9, perché l'intento è cambiato e la pagina non si è adattata.

Se noti un calo di ranking dalle prime 3 pagine di ranking, valuta la possibilità di ripetere l'analisi della frase per assicurarti di essere ancora adatto.

Considerazioni finali

Ovviamente la cosa che può confermare o contestare queste modifiche sono le statistiche di Google Analytics, quindi eseguire test divisi e monitorare il coinvolgimento degli utenti con la tua pagina, così come i tassi di conversione dovrebbero aiutarti a dedurre quale tipo di pagina è preferito.


Essere d'accordo?

Disaccordo?

Hai bisogno di una risposta alla domanda?

Commento qui sotto!

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Cerchiamo di migliorare questo post!

Diteci come possiamo migliorare questo post?

Matt Jackson

Specialista SEO e-commerce, con oltre 8 anni di esperienza a tempo pieno nell'analisi e nella correzione di siti Web di shopping online. Esperienza pratica con Shopify, Wordpress, Opencart, Magento e altri CMS.
Ho bisogno di aiuto? Scrivimi per maggiori informazioni, a [email protected]

Questo post ha commenti 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *